controllo di gestione a costi standards

il manager nudo


76

variazioni di volume

Questo tipo di variazioni ha luogo esclusivamente per le voci di spese fisse e rappresenta la differenza fra l'importo di budget e quello assorbito dalla produzione valutata a costo standard.
Spieghiamoci meglio con un esempio. Consideriamo in un reparto di produzione di una azienda chimica il costo (fisso) della manodopera addetta alla conduzione dell'impianto.

In sede di budget si siano previsti questi dati mensili:

produzione................................. 1000 ton.
costo manodopera..................... 900.000 euro.

Sul costo standard della produzione questo costo fisso incide quindi per 9.000 euro per tonnellata.

Si abbiano, in un certo mese, questi dati:

produzione............................................ 90 ton.
costo manodopera a prezzo standard... 850.000 euro.

La variazione di efficienza è di euro 50.000, ossia si è risparmiato tale importo rispetto alle previsioni. Però, se sulla produzione si fa gravare soltanto lo standard, ossia 9.000 euro/ton. si ha un assorbimento di euro (90 x 9.000) = 810.000 invece delle 900.000 previste dal budget.
Ecco qui una variazione di 810.000 - 900.000 = 90.000 dovuta al diverso volume di produzione: sono infatti state prodotte solo 90 ton. rispetto alle 100 di budget.
La variazione di volume spiega quindi quella parte della differenza fra costi di budget (o standard) e costi effettivi, dovuta ad un volume di produzione o di vendita diverso da quello considerato nel budget.