controllo di gestione a costi standards

il manager nudo


35

note illustrative al piano dei conti


note illustrative al piano dei conti

NOTE ILLUSTRATIVE AL PIANO DEI CONTI



E' uno strumento di codifica superiore in cui i movimenti della contabilità analitica vengono ordinati in modo omogeneo, secondo il metodo duplice contabile, che consente sicurezza di rilevazione e di quadratura.



Il codice del conto COI è formato da tre cifre ed è articolato nei seguenti gruppi di conti:



0 - Gruppo dei conti di collegamento-costi e oneri

1 - Gruppo dei conti di collegamento-ricavi e proventi

3 - Gruppo dei conti transitori

4 - Gruppo dei conti di magazzino

5 - Gruppo dei conti di controllo della lavorazione

6 - Gruppo dei conti delle variazioni

7 - Gruppo dei conti del rendiconto di gestione

8 - Gruppo dei conti del rendiconto economico

9 - Gruppo dei conti delle commesse interne



0/1 - Conti di collegamento



La loro funzione è quella di riprendere dalla contabilità generale i movimenti dei conti da trasferire alla COI.

I costi di esercizio trovano contropartita nel Dare dei conti transitori, mentre gli ammortamenti, gli oneri finanziari e gli altri oneri vengono trasferiti direttamente nel Dare del conto acceso al rendiconto economico.

In questo modo la contabilità analitica funziona in modo indipendente dalla contabilità generale, riproducendo con possibilità di controllo i fatti registrati da questa ultima.



3 - Conti transitori



Hanno la funzione di rendere di competenza i costi e i ricavi di esercizio e di consentire al sistema di funzionare a prezzi standard.

I costi di esercizio relativi al lavoro, prestazioni e ai costi diversi, valorizzati a standard, trovano contropartita nel Dare dei centri di costo dei servizi e delle lavorazioni o delle commesse interne mentre i costi di esercizio relativi agli acquisti trovano contropartita, a valore standard, nel Dare dei conti di magazzino.

Ovviamente la variazione di prezzo che si origina - differenza prezzi effettivi e prezzi standard - viene trasferita al conto variazioni.



4 - Conti di magazzino



La loro funzione è quella di registrare i movimenti di magazzino, valorizzati a prezzi standard.

Trovano contropartita nel Dare dei centri di costi dei servizi e delle lavorazioni o delle commesse interne.

In particolare la rimanenza iniziale, ripresa dalla contabilità generale, che può essere valorizzata secondo una metodologia diversa dagli standard, viene trasferita nel Dare di questi conti previo il passaggio dai conti di conguaglio.



5 - Costi controllo della lavorazione



E' necessaria una premessa:

Il sotto sistema di questi conti è rappresentato dai centri di costo dei servizi e delle lavorazioni, elaborati secondo le pratiche oparative standard previste (modello di riferimento) a cui vanno raffrontate le pratiche operative effettive (modello realizzato) che derivano dalle imputazioni ai centri stessi di cui ai precedenti punti.

Le differenze tra il modello di riferimento ed il modello realizzato originano le variazioni di responsabilità della gestione.

La loro funzione consiste nel raggruppare nel Dare i costi originari (quantità effettive x prezzi standard) e i costi ricircolati dei servizi (volume corrente x costo standard) ed i costi dei prodotti (volume corrente x costo standard) onde operare un controllo di quadratura globale, consistente nel verificare che tutti i costi originari dei servizi siano stati ribaltati.

La differenza del conto rappresenta la sommatoria delle variazioni di responsabilità di ogni centro di costo, denominata "variazione indistribuita" la cui analisi costituisce oggetto di ulteriore studio.

Questi costi trovano contropartita nel seguente modo:

- i prodotti nel dare del magazzino prodotti

- i servizi ceduti a terzi nel dare dei rispettivi rendiconti di gestione

- la variazione indistribuita nel conto variazioni.



6 - Conto variazioni



Questi conti, propri del sistema a costi standard, evidenziano nella loro sintesi, il significato del controllo di gestione come scostamento da un modello di riferimento.

Le variazioni possono essere analizzate nelle loro diverse configurazioni.



7 - Rendiconti di gestione



La loro funzione è quella di evidenziare il margine di contribuzione come differnza tra il costo del venduto e il ricavo del venduto per linea di prodotto o servizio.

Trovano contropartita nell'Avere dei conti di magazzino prodotti (costo del venduto) e nel Dare dei conti transitori (ricavi del venduto).



8 - Rendiconto economico



Esprime il risultato economico secondo la contabilità analitica. In questo conto vengono girati i margini di contribuzione, i saldi dei conti di variazione, le spese generali, gli ammortamenti, gli oneri e i proventi.



9 - Conti delle commesse interne



La loro funzione è quella di rilevare, attraveso commesse interne, i costi relativi ai nuovi impianti, agli aggiornamenti delle manutenzioni straordinarie e ai costi pluriennali di pertinenza di più esercizi.