controllo di gestione a costi standards

il manager nudo


25

conto lavorazione dopo contabilizzazioni precedenti

Quando le materie prime passano ai Prodotti in Lavorazione, ad esse viene riconosciuta la variazione nel prezzo dei materiali.
Un secondo metodo sta nel riconoscere la variazione di prezzo nel momento dell'acquisto piuttosto che al momento del trasferimento della materia prima ai Prodotti in Lavorazione.
La differenza tra costo standard e costo effettivo viene riconosciuta immediatamente come variazione di prezzo ed i trasferimenti successivi delle materie prime ai Prodotti in Lavorazione avverrà al costo standard.
E' preferibile l'utilizzo di questo secondo metodo.
Innanzitutto in questo modo possiamo fare l'inventario delle materie prime solamente in base alla quantità fisiche, in considerazione del fatto che tutte le unità hanno un costo standard.
Oltre a ciò viene semplificata la valutazione dei costi di trasferimento delle materie prime, in quanto non c'è bisogno di calcolare le variazioni di prezzo (le quali possono essere molto complesse quando vengono coinvolti diversi tipi di materie prime, ognuno con costi effettivi diversi).
Infine, considerato che una variazione di prezzo è uno strumento direzionale, la variazione del prezzo di acquisto viene conosciuta contemporaneamente, invece che successivamente, al trasferimento delle materie prime.

Nel diagramma visibile in questa pagina è possibile vedere in dettaglio il conto lavorazione dopo contabilizzazioni precedenti.

4 - conto lavorazione dopo contabilizzazioni precedenti dopo (con controllo di gestione a costi standards)
(i valori sono in euro)
conto lavorazione dopo contabilizzazioni precedenti

Questa sopra è la situazione che risulta dai diagrammi precenti

rilevazioni contabili per bilancio

contabilizzazione salari

contabilizzazione acquisto materie prime

contabilizzazione altri costi

"...(omissis)..."